Skip Navigation LinksMETA > News > Greenbone, quando l’innovazione arriva dal bamboo

Greenbone, quando l’innovazione arriva dal bamboo

03/09/2019

Dopo aver ottenuto dei risultati promettenti in fase di sperimentazione degli impianti ortopedici, l’azienda di investimenti  META Ventures è orgogliosa di supportare Greenbone Ortho ad entrare sul mercato

Tra i primi ad aver creduto nel valore del prodotto e nell'innovazione della tecnologia è stata META VENTURES, ad oggi è il socio di riferimento dell'impresa di Faenza, la Greenbone Ortho.

META VENTURES (http://www.meta-group.com/investment) fa parte della pittaforma "META Investment Platform", la quale si occupa di investire in aziende fast-growing in tutta Europa. META VENTURES coordina, sia in Italia sia all'estero, investimenti in fase iniziale in società fast-growing; inoltre ha un'esperienza di 20 anni nella gestione di fondi e nella gestione di strumenti finanziari pubblico-privati ed ha investito in più di 200 società in tutta europa.

Dopo il primo round di investimenti nel 2015 per Greenbone, pari a 3 milioni di euro insieme ai business angels di IAG (Italian Angels for Growth) e altri investitori sia italiani che esteri, META VENTURES ha partecipato anche nel 2017  al secondo round di investimenti (in quell'anno il secondo più grande d'Italia)  dal valore di 8,4 milioni.

Grazie ad un gruppo di ricercatori brillanti ed un CEO determinato, la Greenbone Ortho (http://www.greenbone.it/) ha convinto investitori a livello internazionale, a puntare al successo dell'iniziativa. Greenbone ha sviluppato una tecnologia innovativa brevettata in ambito ortopedico-traumatologico per la rigenerazione delle ossa attraverso un impianto realizzato con un materiale naturale: il legno, ma più precisamente si tratta di bamboo. Il brevetto sfrutta in modo singolare le proprietà del bamboo, la cui composizione e porosità è simile a quella dell'osso umano.
Le straordinarie proprietà rigenerative di questo legno fanno sì che l'osso su cui viene inserito l'impianto non lo rigetti (come avviene purtroppo con ossa eterologhe o artificiali) ma lo riconosca come proprio, attivando il processo di osteointegrazione.

La finalità degli investimenti era quella di finanziare gli studi clinici così da ottenere la marcatura CE per i prodotti Greenbone e condurre lo sviluppo clinico ad ulteriori applicazioni, tutto entro il 2019. Ora la startup ha come obiettivo quello di divenire operativa sul mercato. Non appena avrà ottenuto la marcatura CE ed il passaporto per il mercato comunitario progredirà nei suoi passaggi arrivando ad ottenere la certificazione FDA (Food and Drug Administration), ovvero la procedura per l'importazione e la vendita di dispositivi medici in America.
Questi importanti obiettivi che si approcciano a conquistare sono programmati  per la fine dell'anno 2019.

Grazie agli ottimi risultati registrati dopo la fase iniziale di sperimentazione, altre persone si stanno preparando a sottoporsi all'intervento con la tecnica Greenbone.

Si prospetta dunque un futuro promettente per Greenbone Ortho e soprattutto per quei pazienti  che hanno subito danni ossei importanti a causa di traumi o tumori.